Museo di San Caprasio

Vai ai contenuti
Utilizziamo esclusivamente cookie tecnici e di sessione per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito. Per approfondimenti leggi informativa.
Notizie ed eventi


Cari soci e amici,
 
l’emergenza corona virus ha di fatto bloccato ogni occasione di incontro ed anche l’assemblea annuale dei soci, prevista per il marzo u.s., è  stata sospesa: stiamo pensando di organizzare una consultazione per email tra i soci, inviando anche il nuovo Statuto predisposto recependo le indicazioni obbligatorie della recente normativa relativa al terzo settore. Tuttavia abbiamo cose da raccontarvi e condividere. La parrocchia ha predisposto il nuovo allestimento del presbiterio, lasciando in  vista gli scavi con la tomba del Santo, ripuliti e restaurati dalla Soprintendenza  dopo i danni dell l’alluvione del 2011.
 
E’ stata realizzata la vetrata che dalla sala capitolare rende visibile il giardino del chiostro e stanno iniziando i lavori per la definitiva sistemazione del fonte battesimale medievale che ospiterà la splendida icona di Rolando Paganini. Sono stati effettuati gli scavi archeologici dell’enigmatica grande torre rinvenuta nel teatrino ed in questi giorni verrà effettuato un sondaggio all’esterno dell’abbazia, in concomitanza con lavori per realizzare l’impermeabilizzazione della sala “della bomba”. Informiamo che lo scorso anno 2000 pellegrini sono stati accolti dalle nostre volontarie e dai volontari, senza la cui opera non potremmo neppure tenere aperti i locali del museo.
 
L’archeologo Enrico Giannichedda sta predisponendo una guida storico-archeologica del complesso monumentale di san Caprasio che sarà edita  in più lingue, grazie al vostro generoso contributo del 5 per mille che ci consente di  pensare anche ad un convegno di livello nazionale sulle scoperte dell’Aulla e della Lunigiana medievale.
 
Insomma, come vedete, pur con tutti i pesanti  limiti imposti dall’emergenza, non ci siamo fermati: purtroppo quest’anno sarà difficile organizzare le Notti dell’Archeologia con le consuete modalità che prevedevano assaggi di prodotti tipici; se possibile organizzeremo comunque due o tre conferenze serali e qualche incontro di storia, musica e poesia nel chiostro, oltre ad  escursioni alla scoperta di luoghi e beni culturali, in collaborazioni con le consuete associazioni culturali.  Vi ricordiamo, se vorrete aiutarci a continuare ad essere un riferimento per visitatori, turisti e pellegrini il nostro riferimento per la donazione del 5 per mille : Associazione San Caprasio- onlus- c.f. 90013350450. Vi informiamo che il direttivo, certo di interpretare il sentimento dei soci, ha erogato un contributo di € 1000 alla Croce Bianca per acquisto di materiali igienizzanti per prevenzione covid. Per il momento, in attesa di ulteriori indicazioni relative all’emergenza covid , restano chiusi il museo e l’ostello, ma contiamo di darvi presto indicazioni in proposito. Intanto per mantenere acceso un legame “culturale” vi inviamo uno studio dedicato ad un’iniziativa del duca di Modena,  attuata ad Aulla a seguito della terribile carestia del 1816-17.
 
                                                                              
   Un caro saluto, sperando di incontrarci presto
 
Riccardo Boggi                                                         Lorella Giuli
 
Direttore Museo                                   Presidente degli “Amici di San Caprasio”

___________________________________

Negli anni 1816-1817 La grande carestia che colpì l’Europa  negli anni 1816-1817
 
La diminuzione delle temperature e l'aumento della piovosità durante l'estate del 1816 innescarono l'ultima grande carestia che colpì l'Europa manifestandosi in tutta la sua brutalità nel corso dei 12 mesi successivi. I raccolti dell'estate 1816 furono compromessi: parte del frumento marcì nei campi, il cibo iniziò a scarseggiare. Il motivo di quell’anno così freddo è stato ricostruito dagli scienziati, che hanno individuato come responsabile l’eccezionale eruzione del vulcano Tambora, in Indonesia che aveva immesso nell’atmosfera enormi quantità di cenere vulcanica, gas e particelle sottili. La presenza di questi materiali vulcanici finì negli strati più alti dell’atmosfera, fece da schermo alla luce solare, portando ad un raffreddamento del pianeta.

 
    LA FARINAIA DEL PALAZZO DUCALE di AULLA
 
    ( estratto da STUDI LUNIGIANESI LIV-LV – 2014-2015, rivista dell’ Ass. Manfredo Giuliani)



___________________________________

Le messe sono riprese in San Caprasio
questo l'orario delle celebrazioni:

Sabato ore 18.00
Domenica: ore 11.15
Domenica : ore 18.00

le regole da seguire



_____________________________________________________________



_______________________________________________________________________




















AVVISO PER I PELLEGRINI

Museo e Ostello Chiusi Attendiamo indicazioni dalla Regione Toscana

Visitare il museo e l'abbazia

Ogni giorno della settimana puoi avere l'opportunità di scoprire i tesori artistici, storici e spirituali che offre l'Abbazia di San Caprasio con il suo museo.

Orari apertura Museo:
Aperto tutti i giorni mattino ore 9-12 pomeriggio 15-18
PER PRENOTARE VISITE, PER INFORMAZIONI E PER OGNI ALTRO TIPO DI RICHIESTA SCRIVICI ALL'INDIRIZZO:
sancaprasio.aulla@gmail.com
OPPURE TELEFONA ALLO 0187 - 420148  
______________________________


Accoglienza pellegrini dalle ore 15 alle ore 19

PER PRENOTAZIONI OSTELLO E INFORMAZIONI PELLEGRINI

+39 187 1780776   sancaprasio.aulla@gmail.com

______________________________


ACQUISTARE LE CREDENZIALI DEL PELLEGRINO


______________________________


_________________________________



all'abbazia di San Caprasio
App Ufficiale Via Francigena
Meteo sulla Via Francigena
DATABASE DI TUTTI I
CAMMINI D'EUROPA
Torna ai contenuti